Back To Top

Coronavirus: la comunicazione in tempo di crisi

Coronavirus: la comunicazione in tempo di crisi

Coronavirus: la comunicazione in tempo di crisi

L’emergenza Coronavirus sta mettendo ognuno di noi nella condizione di doverci confrontare quotidianamente con un problema senza precedenti. Un fenomeno che ha colpito fortemente stili di vita, abitudini e strategie di consumo a livello globale. Molte aziende hanno dovuto stravolgere il proprio modello di business, spostandosi su nuovi canali, utilizzando strumenti che fino a quel momento non avevano mai pensato di sfruttare e trasferendo quanto più possibile sul digitale.

La tecnologia in questi casi, diventa un alleato indispensabile insieme ad altri strumenti di comunicazione online come i social media e l’email marketing.
Attraverso questi strumenti e con ogni risorsa a disposizione, molte attività hanno cercato di dare una risposta forte, in modo da fronteggiare l’emergenza ed esserci per i propri clienti.

Il digitale ci permette, adesso più che mai, di abbattere le distanze e rimanere vicino al nostro pubblico. Ecco perché la comunicazione non dovrebbe fermarsi in questo momento e anzi, diventa ancora più importante. Dobbiamo pensare alle persone che abbiamo di fronte e non considerarle solo in qualità di consumatori.
Come può avvenire tutto ciò? Creando contenuti autentici, scritti con il cuore, e condividendo risorse utili per il nostro pubblico.

 

Ma come stanno affrontando questa situazione piccole e grandi attività sul piano della comunicazione? Vediamo subito qualche esempio.

Palestre chiuse? L’allenamento è in diretta Streaming

Tra le tante rinunce obbligatorie rientra anche l’allenamento e lo sport. Così, molte palestre e centri fitness si sono organizzati per fornire le proprie lezioni in diretta streaming, in modo da non lasciare i propri clienti senza allenamento e continuando a rimanere accanto a loro in questo particolare momento.
LifeGate, in collaborazione con City ZEN Yoga Milano, ha lanciato la prima “Smart Yoga Class”, per regalare momenti di benessere e restare vicini alle persone, anche da casa. Altri esempi sono lo Show Health Training Club o la palestra Evolution, che hanno creato un vero e proprio palinsesto con sessioni di allenamento da seguire comodamente a casa.

Coronavirus: la comunicazione in tempo di crisi - palestre

La cultura non si ferma: i Musei vanno online

Con l’hashtag #LaCulturaCura, il Museo Egizio di Torino lancia dei video tour sui social per raccontare la storia di preziosissimi oggetti della collezione. Tanti altri musei tra i più noti al mondo hanno messo a disposizione degli utenti delle “visite guidate online”.
La Repubblica ha stilato anche una classifica delle gallerie più prestigiose al mondo che è possibile visitare dal proprio divano di casa, tra queste: la Galleria degli Uffizi, i Musei Vaticani, il Louvre e il British Museum.

Coronavirus: la comunicazione in tempo di crisi - musei virtuali

Turismo: vicino ai clienti per darsi forza a vicenda

Il turismo è tra i principali settori messi in ginocchio, ma c’è chi non si scoraggia e cerca di affrontare questa crisi rimanendo accanto al proprio pubblico. Viaggi per Sub, un portale di viaggi per subacquei, affronta in maniera ironica e diretta il problema, con una serie di contenuti che riescono a strapparti un sorriso ma che al tempo stesso ti responsabilizzano sulla gravità del problema.
Altri Enti e agenzie hanno creato visite virtuali, audio-guide, podcast, letture o iniziative online, proponendo itinerari virtuali e posti da visitare rimanendo a casa. Ovviamente, il messaggio di speranza è quello di ritornare presto alla normalità e poter partire verso quei luoghi scoperti tra le mura domestiche!

Coronavirus: la comunicazione in tempo di crisi - turismo

Chiudono i negozi ma non gli store online

Tutti quei negozi che finora non hanno sentito il bisogno di essere presenti online, in questo momento iniziano a capirne l’importanza. Grandi e piccoli brand, per tutelare i loro dipendenti e la propria clientela hanno chiuso da settimane i loro punti vendita. Attraverso i propri canali di comunicazione hanno espresso la loro vicinanza ai clienti, trasmettendo messaggi positivi e ribadendo la loro presenza e disponibilità, ma nello store online.

Coronavirus: la comunicazione in tempo di crisi - camicissima

Esempio: newsletter Camicissima. In una prima email emerge il lato umano dell’azienda, di raccomandazione e vicinanza, nella successiva inizia a fornire consigli utili adatti a questo particolare momento e in linea con il proprio target.

Indipendentemente dal tipo di attività, ognuno ha cercato, non solo di reagire a questa situazione, ma di essere di supporto ai propri clienti in un momento di difficoltà.

Insieme lo supereremo!💪