Back To Top

SOCIAL ADS: 5 errori da evitare

SOCIAL ADS: 5 errori da evitare

Le Social Ads sono diventate un elemento indispensabile all’interno di una qualsiasi strategia di digital marketing. L’enorme potere delle piattaforme di advertising non viene però sempre sfruttato nella maniera corretta. Sono molti gli errori che vengono spesso compiuti da aziende e professionisti alle prime armi, provocando importanti perdite in termini economici e, ancor più gravi, a livello di immagine e credibilità.

 

Vediamo insieme i 5 errori da principianti più comuni, in modo da evitarli e intraprendere una gestione corretta e professionale delle tue Social Ads.

1. NON STABILIRE DEGLI OBIETTIVI… MISURABILI!

La prima cosa che un vero professionista deve fare è portare all’azienda risultati concreti e misurabili, con un ritorno sull’investimento valutato sulla base degli obiettivi prefissati in fase di pianificazione. 

Non aver stabilito degli obiettivi chiari e definiti significa, infatti, non essere in grado di misurare i risultati delle azioni intraprese. Oltre alla definizione degli obiettivi bisogna individuare quali saranno gli indicatori di performance (KPI) da monitorare per misurare l’efficacia delle attività di social advertising. Se il tuo obiettivo è portare nuovi iscritti al tuo corso, sicuramente i parametri da tener d’occhio saranno il tasso di conversione, il CPL medio e il numero di richieste di informazioni ricevute.

Impostare il giusto obiettivo nella tua Social Ads, definendo quale azione vuoi far compiere al tuo pubblico attraverso il tuo messaggio, è il primo passo per la creazione di una campagna social di successo. Più chiaro sarà l’obiettivo, più pertinenti saranno i tuoi annunci e migliori saranno i risultati della tua campagna.

2. NON AVERE UNA STRATEGIA

Uno degli errori più gravi nella gestione delle Social Ads è proprio non avere una strategia utile a raggiungere gli obiettivi prefissati. Questa servirà a indicarti la strada migliore da intraprendere per le tue campagne, valutandone l’andamento e apportando eventuali migliorie.

Non avere una strategia significa lavorare alla “cieca”, con una comunicazione sconnessa e confusa che ti farà risultare agli occhi del tuo pubblico come un brand di scarso valore. Una strategia social ben definita, invece, serve ad aver chiaro lo scenario di mercato e il pubblico di riferimento, capire dove concentrare di più budget e risorse, fornire messaggi efficaci e coinvolgenti, sapere cosa fare in determinate situazioni e riuscire a misurare i risultati delle azioni previste.
Solo nel momento in cui avrai un piano solido e definito, potrai iniziare a sperimentare e capire cosa funziona meglio, sulla base degli obiettivi da raggiungere.

3. NON FARE TEST O FARNE TROPPO POCHI

Ogni settore, contesto e campagna sono una realtà a sé e occorre testare per capire cosa funziona meglio per le tue Social Ads. Non bisogna dare le cose per scontate, giudicando una social ads sulla base di considerazioni personali. Come fai a sapere che una campagna funziona se non la testi?
Crea delle varianti di campagna con diversi copy, creatività, posizionamenti, tipologie di target. Anche solo due varianti possono essere sufficienti per capire cosa performa meglio e spostare successivamente il budget sulla campagna che ti sta portando più risultati.

Spesso si pensa di poter fare questa attività solo in presenza di importanti budget o avrai sicuramente sentito dire che “non ci sono abbastanza soldi per fare test”; ecco, questo è l’atteggiamento migliore se vuoi buttar via tempo e denaro.

4. NON MONITORARE LE CAMPAGNE

Dopo averle avviate, non perdere di vista le tue campagne! Osservare l’andamento delle social ads ti consente di effettuare scelte più consapevoli ed efficaci, massimizzando le performance dei tuoi annunci. Tenerle sotto controllo ti permette quindi di intervenire con modifiche che porteranno a risultati migliori o di sospenderle nel caso di annunci poco performanti, evitando perdite economiche per l’azienda.

Un altro buon motivo per non dimenticarti delle tue campagne è che le social ads non hanno una vita lunga, in particolare per pubblici troppo di nicchia; dopo un po’ che sono online inizieranno a portare meno risultati, a costi sempre più alti e sarà indispensabile rinnovarle per riuscire a dare nuovamente buone performance.

5. UTILIZZARE LA STESSA ADS PER PIATTAFORME DIVERSE

Un altro errore molto comune è quello di considerare le social ads tutte uguali. Ogni social ha le sue caratteristiche e requisiti propri per le ads che supporta. Ottimizza i contenuti delle tue campagne adattandoli alle piattaforme di advertising per avere maggiori probabilità di successo.

Ti sei ritrovato in uno o più di questi errori? Tranquillo, non è mai troppo tardi per intraprendere una gestione corretta e professionale delle tue Social Ads.